Il 14 giugno scattano gli Europei di calcio, si parte da Monaco di Baviera con Germania-Scozia, un mese dopo, il 14 luglio, la finale. La fase a gironi si concluderà il 26 giugno con le prime due di ogni gruppo che accederanno agli ottavi (29 giugno-2 luglio) accompagnate dalle quattro migliori terze. Le eliminatorie saranno in partite secche con eventuali supplementari e rigori. La strada verso la gloria continuerà con i quarti di finale del 5 e del 6 luglio, le semifinali del 9 e 10 luglio e la finalissima di Berlino del 14 luglio, nello stesso stadio in cui nel 2006 l'Italia alzò la sua ultima Coppa del Mondo.

Le favorite per Euro 2024

Spalletti sogna di ripetere la magica cavalcata della squadra di Lippi e di bissare il successo europeo del 2020 di Roberto Mancini, ma gli azzurri non partono favoriti. Le quote partite Europei danno l’Italia favorita contro l'Albania, sfavorita contro la Spagna e praticamente alla pari contro la Croazia. A livello generale, però, l'Italia sembra essere diversi gradini sotto tante squadre, tra cui le più attese in assoluto: Inghilterra e Francia. Gli inglesi hanno la grande occasione di tornare a vincere un torneo internazionale che manca dal Mondiale del 1966. La rosa di Southgate è ricca di campioni e ha grande voglia di rivincita dopo la sconfitta di Wembley del 2020. Difficile dire se sia davvero la favorita numero uno, quello che è certo è che, almeno in partenza, solo la Francia sembra avere la stessa qualità. Deschamps dopo la finale Mondiale persa con l'Argentina vuole tornare a trionfare e ha disposizione il materiale per farlo. 

Un gradino sotto partono la Germania padrona di casa, meno talentuosa rispetto al passato, e la Spagna che rischia di essere poco matura per arrivare fino in fondo. Attenzione anche al Portogallo, possibile mina vagante del torneo, al pari dell'Olanda e forse anche del Belgio che però sembra essere a fine ciclo. Da notare come tutte queste squadre non dovrebbero avere problemi a passare il girone, tranne la Spagna che è insieme a Italia, Croazia e Albania nel gruppo di ferro di Euro 2024.

Luciano Spalletti
Luciano Spalletti Italia

Le speranze dell'Italia

Gli azzurri devono cancellare l'onta della seconda eliminazione mondiale di fila, ma Spalletti potrebbe non avere le cartucce per puntare al trionfo. Passare il girone non sarà facile e non può essere l'obiettivo dei campioni in carica. Il tecnico può essere un valore aggiunto e probabilmente lo dovrà essere perché guardando le rose degli altri è inutile nascondere che il gap è ampio. L'Italia non ha campioni del calibro di Mbappé e Bellingham, solo per citarne due, e quindi dovrà trovare nell'unità di intenti e in un gruppo compatto quel qualcosa in più da opporre agli avversari. 

In attesa delle convocazioni ufficiali per Euro 2024, i nodi da sciogliere per Spalletti non sembrano essere molti. Il reparto dei portieri con Donnarumma e Vicario accompagnati da uno tra Meret e Carnesecchi è il migliore d'Europa, già fatta la difesa con Calafiori jolly di un reparto che non sarà toccato più di tanto. Il cambio modulo delle ultime amichevoli non ha dato grandi risultati, possibile il ritorno 4-3-3 con Jorginho rispolverato in regia, Barella sicuro del posto e gli altri, Locatelli e Pellegrini in particolare, a giocarsi la terza maglia. Anche in questo caso le scelte sembrano essere fatte con un solo posto da assegnare tra Fagioli, Fabbian, Bonaventura e Folorunsho. Infine l'attacco dove invece fioccano i dubbi: lo Scamacca dell'ultimo periodo potrebbe risolvere il problema centravanti, insieme a lui ci saranno Retegui, Raspadori e Chiesa. È rebus invece sugli esterni, Zaniolo e Berardi sono out per infortunio, mancano almeno tre pedine con El Shaarawy, Orsolini e Politano in vantaggio su Zaccagni. Ultimi dubbi da sciogliere, poco tempo per farlo, perché il 7 giugno vanno consegnate le liste definitive. Poi sarà il campo a parlare.

Dove vedere Inside Out 2, streaming gratis Netflix, Now o Prime Video?
Milan-Pioli, verso la risoluzione del contratto: come ha riportato i rossoneri al top in 5 anni

💬 Commenti