L'autogol di Gyomber che ha regalato l'ennesimo ko interno alla Salernitana contro il Lecce, ha distrutto le residue speranze salvezza dei campani. Sono infatti 11 i punti di distanza che li separano dal quart'ultimo posto, occupato dall'Empoli a quota 25. Dopo solo cinque partite starebbe per terminare l'avventura di Fabio Liverani sulla panchina granata, che era subentrato a Filippo Inzaghi alla 25° giornata, proprio in favore del ritorno dell'ex attaccante di Juventus e Milan. L'esonero sarebbe infatti questione di ore se non minuti.

Liverani e Sabatini in bilico 

Era stata un'altra sconfitta interna a sancire l'esonero di Filippo Inzaghi come tecnico della Salernitana dopo l'1-3 subito dall'Empoli e al suo posto, era subentrato Fabio Liverani. Nelle prossime ore dovrebbero invertirsi i ruoli col ritorno dell'ex Venezia e Reggina per provare a chiudere in maniera dignitosa una stagione fallimentare dal punto di vista dei risultati e che sancirà il mesto ritorno in Serie B a meno di clamorosi miracoli.

In bilico anche la posizione di un altro subentrato a stagione in corso, il ds Walter Sabatini. L'ex dirigente di Palermo e Roma paga gli scarsi risultati ottenuti dalle sue scelte di mercato. Infatti non é bastato portare all'Arechi due nomi pesanti ma che avevano già dato il meglio come Jerome Boateng e Manolas, per ribaltare la classifica. Il presidente Iervolino starebbe valutando di chiudere il rapporto anche con lui.

Fabio Liverani
Liverani Salernitana

Le parole di Milan

La conferma sul probabile esonero di Liverani arriva dalle dichiarazioni pronunciate dall'amministratore delegato Maurizio Milan:

Abbiamo deciso di non fare rilasciare nessuna intervista ai nostri tesserati perché nelle prossime ore ci sarà una riflessione di carattere tecnico col presidente Iervolino. C'é rammarico per i risultati e per il rendimento degli acquisti di gennaio, con cui pensavamo di poter rivitalizzare la squadra ma questo non é avvenuto

LEGGI ANCHE: Salernitana: riflessioni in corso sull'esonero di Liverani, due nomi per sostituirlo      

Bruno rivela: "Vialli? Lo menavo ma mi disarmava. Di Canio? Un gran cacacazzi, piagnucolava..."
Lazio, al via l'era Tudor: ecco la composizione dello staff

💬 Commenti