Emilio De Leo (ph. bolognafc.it)
Bologna Fc 1909

De Leo: "Dovevamo fornire una prova importante, non solo di carattere"

Il vice allenatore ha commentato il pareggio di San Siro con il Milan

Francesco Perna
04.04.2022 22:00

Il vice allenatore del Bologna Emilio De Leo ha commentato nel post gara il pareggio contro il Milan nel monday night della 31^ giornata di Serie A. Queste le sue parole rilasciate ai microfoni di DAZN:

LEGGI ANCHE: Live Calciomercato | Incontro Inter-Torino per Bremer: ecco i dettagli

 "Oggi dovevamo fornire una prova importante: non solo di carattere, ma anche piena di attenzione, concentrazione e leggerezza. Quando affronti squadre così forti devi avere la testa libera, altrimenti diventi una vittima sacrificale e noi non volevamo esserlo".

Continua a mancarvi il gol
"Io non ne farei un dramma, noi pensiamo sempre a mantenere una identità tattica e di gioco, poi quando non te l'aspetto inizi a sbloccarti. Sicuramente dobbiamo mettere in campo una leggerezza che in alcune gare ci è mancata. Per il resto dobbiamo sicuramente migliorare le scelte e metterci sempre la giusta cattiveria. Ma oggi ci siamo arrivati, abbiamo costruito bene e siamo fiduciosi".

Nella ripresa perché non è stato tolto Arnautovic?
"Abbiamo avuto cambi obbligati, ma Marko aveva un problemino e ha stretto i denti. Abbiamo dovuto fare delle scelte. C'è bisogno di continuità da parte di tutti, gli attaccanti nel primo tempo sono stati molto aggressivi e la partita la valutiamo per tutti i 98 minuti, per noi oggi va bene così".

Nel finale perché non avete mai provato a infilare il Milan in contropiede? @"Avremmo voluto e non ci siamo riusciti, ma i nostri giocatori hanno anche speso tanto. Sicuramente alla abbiamo pagato da questo punto di vista lunga, dall'altro lato c'era una squadra fortissima e quindi diamo anche merito alla forza del Milan".

Cassano e il passato da playboy: "A Roma piacevo molto. Sapete cosa mi dicevano le donne?"
Oppini infuriato (VIDEO): "Il rigore ripetuto è una buffonata! L'Inter ha preso 4 punti quando...". La reazione di Graziani