Immobile Lazio
Calcio

Lazio, oggi sei anni con Immobile: ecco la carriera di Re Ciro con la maglia biancocelste

Oggi in casa Lazio si festeggia il Capitano biancoceleste che sei anni fa si sposò il club. Una lunga storia d'amore

Serena Baldi
27.07.2022 16:00

La Lazio sei anni fa firmava quello che si rivelerà uno dei bomber più importanti nella storia della prima società della capitale, stiamo parlando di Ciro Immobile. Il suo percorso inizia proprio il 27 di Luglio del 2016 e il passaggio viene completato dopo un'ottima stagione di rilancio vissuta a Torino. Il presidente Claudio Lotito spenderà quasi dieci milioni di euro per assicurarsi uno dei marcatori più influenti delle ultime stagione. Con il passare degli anni e del tempo Re Ciro non si prenderà solo il trono di capocannoniere per ben tre volte, ma anche diversi trofei sia con la Nazionale Italiana e sia con la Lazio che internazionali assieme all'Italia.

Lazio - Immobile: tra gol e assist

Da quando è approdato in biancoceleste le sue medie sono da paura. In ben 259 partite è riuscito a mettere a segno la bellezza di 182 gol e servire anche 46 assist per i suoi compagni. Sono numeri che in Italia si sono visti raramente da qualsiasi tipo di giocatore. C'è da dire inoltre che i gol segnati da Ciro in tutte le competizioni con la maglia del club capitolino, sono gli stessi che ha fatto in Serie A contando anche quelli di altri club.

Lazio, i premi di Ciro Immobile 

Durante la  stagione 2019-2020 Ciro ha segnato 36 gol, un primato che sembrava impossibile da battere dopo che era stato ritoccato da Gonzalo Higuain. A questi dati vanno inoltre vanno aggiunti tutti i trofei vinti da quando indossa la maglia della Lazio. Stiamo parlando di: una Coppa Italia, due Supercoppe Italiane e soprattutto tre titoli marcatori.

LEGGI ANCHE: Lazio, caccia al secondo portiere: ecco i nomi sul taccuino dei biancocelesti

Suma provoca Calhanoglu: “Rosicavi senza i coretti e poi scrivevi “grazie di tutto”. Tacere era meglio”
Bergomi: "L'attacco dell'Inter è più completo. Ho parlato anche con Mourinho..."