Due giornate di squalifica a Joseè Mourinho, con multa di 10.000 euro. È questa la decisione del giudice sportivo della Serie A, dopo l’espulsione del tecnico della Roma ieri nella partita con la Cremonese. La squalifica è “per avere, al 2ª del secondo tempo, contestato con veemenza od atteggiamento provocatorio una decisione arbitrale, reiterando talo comportamento all’atto del provve dimento di espulsione per avere inoltre, al termine della gara, entrando, soppor autorizzato, nello spogliatoio arbitrale rivollo al Quarto Uliciale espressioni ed illazioni gravemente offensive, si legge nella nota della Lega Serie A.

Non esiste l’audio del quarto uomo nel dialogo con Mourinho durante Cremonese-Roma di ieri”. Lo spiegano all’ANSA fonti dell’Aia, che aggiungono: Il quarto uomo, solitamente, non viene registrato perche’ la sua voce e i rumori di fondo interferirebbero con l’audio dell’arbitro e degli uomini alla Var. La registrazione avviene solo nel caso il quarto uomo spinga il pulsante e attivi il meccanismo, ma ieri sera – concludono le fonti Aia – questo non e’ avvenuto”.

LEGGI ANCHE: Ziliani sul Derby della Mole: "La Juventus si ricorda di avere giocatori strapagati. Non serve a nulla con tutti i processi alle porte, ma..."

Didier Deschamps e il suo attacco all'Italia: "Fu avvantaggiata agli Europei, ecco perché"
Inchiesta Juventus, Mattioli: "Troppi lati oscuri in questa vicenda, troppa fretta di togliere questi punti. Tutti tentativi per..."

💬 Commenti