Balotelli
Calcio

Balotelli: "Mancini è l'allenatore a cui sono legato di più nella mia carriera. Ho un unico rimpianto con la Nazionale"

L'ex giocatore del Milan è tornato su alcuni punti della sua carriera soffermandosi anche su qualche rimpianto collezionato con la maglia della Nazionale

Ludovica Carlucci
21.03.2022 11:30

Mario Balotelli ai microfoni di DAZN. L'ex giocatore del Milan è tornato su alcuni punti della sua carriera soffermandosi anche su qualche rimpianto collezionato con la maglia della Nazionale. Di seguito le sue parole: "Sono felice di quello che ho fatto. Ho vinto tutto a livello di club, mi manca solo qualcosa a livello di Nazionale. È l'unica cosa che posso rimpiangere, ma non è mai troppo tardi". Sullo stage: "L'ultima chiamata è stata inaspettata, è stato davvero emozionante. Ora speriamo che l'Italia vada ai Mondiali, poi magari pensiamo anche a vincerli. La Macedonia non è una squadra semplice da affrontare, non bisogna sottovalutarla, così come la Turchia".

Balotelli si è soffermato poi sul rapporto con il commissario tecnico Mancini: "Mancini è l'allenatore a cui sono legato di più nella mia carriera. Lui mi ha fatto iniziare con l'Inter, nonostante i tanti attaccanti che c'erano. Ha avuto il coraggio di mettere me e non penso che tutti gli allenatori l'avrebbero fatto. Anche con Prandelli mi sono trovato molto bene, è stato sia permissivo che rigido con me. Ho avuto un bel rapporto con lui, così come con tutta quella Nazionale".

LEGGI ANCHE: Corsa Scudetto e primato Milan, Sacchi: "Le idee contano sempre più dei soldi. In Italia la furbizia è la qualità principale"

La classifica delle squadre più amate d'Italia: Juve prima ma in calo, Milan e Roma vincono i "derby del tifo"
Chirico: "La Juve ha commesso un solo errore: Dybala doveva essere venduto prima. Mai stato al centro del progetto"