Dai canali ufficiali della Lega di Serie A l’attaccante del Napoli Khvicha Kvaratskhelia si è lasciato andare e ha raccontato il suo amore per il pallone fino al grande sogno dello scudetto con Luciano Spalletti. Quella cavalcata degli azzurri che tutti i tifosi partenopei non dimenticheranno mai.

“Mi manca casa mia ogni giorno, ma ora sento che casa mia è in Italia e soprattutto in questa città, in cui si vive per il calcio. Si vede che i tifosi sono felici quando guardano il calcio e questo è incredibili perché non lo vedi da nessun'altra parte, devo dire. Il modo in cui i tifosi mi trattano, il modo in cui i tifosi mi amano, è una cosa grandissima”

Napoli, il passato di Kvaratskhelia

Ecco come è nato l'amore per il calcio per Kvaratskhelia:

"Il calcio per me è tutto, è la mia vita, non ci sono dubbi. Giocavo con i miei amici per strada ogni volta che uscivo di casa, anche dopo l'allenamento ero lì a giocare con loro. Ho mosso i miei primi passi nel calcio di strada, è lì che sono cresciuto. Penso che tu possa vederlo nel modo in cui gioco. Per strada fai tanti tocchi, ami avere la palla tra i piedi. E anche ora che gioco su campi veri, in grandi stadi, provo ancora a giocare come facevo per strada. Le strade mi hanno cresciuto come giocatore di calcio, sono state da ispirazione.

Quando avevo 8 anni ho cominciato a giocare in un club vero e proprio, in una buona Academy, poi a 11 anni sono passato nella grande accademia della Dinamo Tbilisi. Ho trascorso cinque anni lì, è una grande accademia, ci sono grandi calciatori che potrebbero giocare ad altissimi livelli. Vivevo lì e tutti nel club mi hanno aiutato tanto. Quand'ero bambino guardavo tante partite di Serie A. Sapevo che i difensori italiani erano i migliori al mondo. In Georgia quando parli del calcio italiano si pensa subito ai grandi difensori"

Serie A, DAZN punta sempre di più sulla sua modalità gratuita
Bologna, Motta Coach Of The Month. De Siervo: "Raggiunto Spalletti. Doti da grande tecnico"

💬 Commenti