L'Ucraina del CT Rebrov sembra abbonata alle rimonte al cardiopalma. Dopo quella contro la Bosnia in semifinale che ha permesso l'approdo alla finale playoff, i gialloblu si ripetono a Wroclaw contro l'Islanda e col 2-1 firmato da Tsygankov e Mudryk staccano il biglietto per Euro 2024. Il vantaggio scandinavo era stato firmato dall'attaccante del Genoa Albert Gudmundsson, al quarto gol in due partite dopo la tripletta segnata contro Israele.

Il racconto della partita

Al 30' l'attaccante del Genoa Albert Gudmundsson illude l'Islanda: conclusione dal limite che fulmina Lunin ed 1-0 per i vichinghi scandinavi. L'Ucraina non ci sta e impatta con Yaremchuk in spaccata al 38', ma il suo gol viene annullato per fuorigioco. Nella seconda frazione al 54' gli uomini di Rebrov trovano il pareggio: Thorsteinsson libera male e ne approfitta Viktor Tsygankov che servito da Sudakov, la piazza dove Valdimarsson non può arrivare.

Al 77' Lunin compie un grande intervento su Thorsteinsson ed é probabilmente l'azione chiave della gara. All'84' é ancora Sudakov che serve Mudryk al limite dell'area e destro sporco dell'ala del Chelsea sul palo più lontano, che vale il gol qualificazione per l'Ucraina.

Ucraina-Islanda
Ucraina-Islanda playoff (Youtube)

Le nazionali qualificate

Oltre all'Ucraina sono altre due le nazionali qualificate ad Euro 2024. Ci sarà la storica prima volta della Georgia di Kvaratskhelia, che ha battuto la Grecia per 4-2 ai calci di rigore dopo lo 0-0 nei 120 minuti. Anche alla Polonia degli “italiani” Bartosz Bereszynski e Sebastian Walukiewicz, sono serviti i tiri dal dischetto per superare il Galles.

 

LEGGI ANCHE: Napoli, infortunio per Kvaratskhelia con la Georgia: le sue condizioni      

Bruno rivela: "Vialli? Lo menavo ma mi disarmava. Di Canio? Un gran cacacazzi, piagnucolava..."
Gioia per Giroud e Theo Hernandez: record con la Francia

💬 Commenti