Dazn- Facebook
Serie A

Caos DAZN, il Parlamento: “Scandalosi, abbonati ingannati”. Social duri: “Disdetta Leotta”

Il capogruppo Lega in istruzione, cultura e sport alla Camera, bacchetta la pay tv per l’aumento dei prezzi

Francesco Rossi
10.06.2022 08:06

L’aumento dei prezzi degli abbonamenti da parte di DAZN, non è piaciuto proprio a nessuno. Nemmeno in Parlamento. Daniele Belotti, capogruppo Lega in istruzione, cultura e sport alla Camera, ha criticato duramente la pay tv, affermando che alcune misure potrebbero essere prese prossimamente nei confronti di DAZN: 
 

Non siamo disposti ad accettare gli scandalosi aumenti del canone imposti da Dazn agli utenti per la prossima stagione di calcio. Dazn l’anno scorso aveva offerto gli abbonamenti a 19,99 euro al mese e ora li aumenta del 50 per cento portandoli a 29,99 euro che però diventano ben 39,99, quindi il doppio, se si vuole utilizzare, come in passato, i device contemporaneamente e a distanza”. 

NIENTE SPECULAZIONI - “Non accettiamo che si speculi in questo modo sulla passione dei tifosi solo perché ha il monopolio delle partite. Il campionato scorso gli utenti-tifosi hanno programmato una spesa per più stagioni e ora, già al secondo anno, si trovano a dover spendere il doppio. Inaccettabile”.

Gia’ durante il girone di andata eravamo intervenuti in modo deciso per sventare gli aumenti annunciati per il resto del campionato. Siamo consapevoli del fenomeno della pirateria, tanto che è in discussione alla Camera un progetto di legge leghista, primo firmatario Massimiliano Capitanio, (e che ora diventa ancora piu’ urgente) ma non possiamo pensare che una societa’ importante come Dazn non avesse messo in preventivo una quota di ‘furbetti’ prima di presentare un’offerta monopolistica alla Lega Serie A”.

PROVVEDIMENTI - “Ora dopo una sola stagione si cambiano le carte in tavola obbligando gli abbonati a raddoppiare i costi nel caso, ad esempio, in famiglia si è in due, a distanza, seguire le partite? Se sarà confermata la decisione di Dazn di impedire l’utilizzo contemporaneo di due device, siamo pronti a presentare immediatamente anche un esposto all’Agcom e all’Antitrust al fine di tutelare gli abbonati ingannati da condizioni contrattuali che dovevano essere pluriennali”.

FURIA DEGLI ABBONATI VIA SOCIAL - Intanto sui social, gli utenti sono sempre più inferociti nei confronti della pay tv, tanto che sta impazzando il social #disdettaleotta, chiaro gioco di parole che riprende il nome del volto femminile principale della pay tv: Diletta Leotta

Sacchi, frecciata a Inter e Juventus: "Vincere con i debiti è come barare. Milan eccezionale rispettando le regole"
Lotito, frecciata ai romanisti: "Partono per vincere il campionato, ma poi si accontentano di lottare per... Noi laziali invece..."