Nei giorni scorsi MJ, da qualche tempo considerato lo sportivo più ricco del mondo, ha aperto un ospedale, che sarà finanziato a spese di Jordan, nella piccola comunità di Wilmington, luogo nel North Carolina dove l'ex Bulls è cresciuto, per la quale ha speso una cifra complessiva che ruota attorno ai 10 milioni di dollari; il centro si occuperà di assistere le persone economicamente in difficoltà.

La storia delle grandi gesta di beneficienza dello storico 23 dei Bulls

Michael Jordan non è nuovo ad opere del genere, ha cominciato nel 2019 aprendo la prima clinica; in seguito a tale apertura l'ex campione statunitense aveva dichiarato in esclusiva a Today: 

Quando giocavo, ero ossessionato solamente dal mio sport. Ero un giocatore professionista di pallacanestro, e cercavo di esserlo al meglio delle mie possibilità. Ora ho più tempo per capire le cose che mi circondano, capirne le cause e i problemi, impegnando la mia voce e il mio supporto finanziario per cambiare la situazione

Nel 2021, inoltre, aveva donato la stessa cifra impiegata per la costruzione dell'ospedale di Wilmington per la realizzazione di due cliniche nel New Hanover.

L'affetto di Michael verso le zone nelle quali è cresciuto

Dopo aver provato, e fallito anche abbastanza miseramente, ad essere il capo supremo degli Charlotte Hornets si può notare che la maggior parte delle opere e degli investimenti del campione statunitense ricadono sempre su progetti nel North Carolina, stato nel quale Michael Jordan è cresciuto e che ha contribuito, grazie al College che porta il nome del medesimo stato federale, a lanciarlo nel mondo Nba da terza scelta assoluta al draft, cerimonia di selezione nella quale le 30 squadre Nba si spartiscono i migliori 60 talenti provenienti prevalentemente dai College americani.

Michael Jordan
Michael Jordan con la maglia dei Chicago Bulls (ph. depositphotos)
La classifica delle squadre italiane più vincenti in Europa: Juventus davanti all'Inter
Roma, Dybala assente con l'Atalanta: quante partite salta

💬 Commenti