L'attore comico e conduttore televisivo Ezio Greggio, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Casa Juventibus sulla Juventus di Allegri e sull'Inter di Simone Inzaghi. Il volto noto della televisione italiano, ha parlato pure della sua esperienza alla conduzione di Striscia la Notizia con il collega, Enzo Iacchetti, di fede interista.

Ezio Greggio parla dell'Inter e rivela un aneddoto su Iacchetti

Ecco un estratto delle parole di Greggio, raccolto da Il Pallone Gonfiato: “Enzo Iacchetti io lo adoro, al di là dei colori del suo tifo. Stessa cosa lui per me ed è sempre un piacere andare in onda con lui. Per fortuna, il bilancio Juve-Inter, ho avuto molte più giornate felici io. Mi ricordo una volta che la Juventus aveva battuto l’Inter sonoramente, in tutta la puntata non ho detto nulla. Quando abbiamo salutato, sono entrati dietro una serie di comparse vestite da Juve: sono scesi gli stendardi della Juve dall’alto, è c’è stato l’inno della Juve in sottofondo. Iacchetti tolse la giacca. la buttò e se ne andò. Quindi, ho questo meraviglioso ricordo”

Greggio
Ezio Greggio con il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri

L'opinione di Greggio sulla Juventus e un'altra frecciata all'Inter

Nel corso del suo intervento, il comico ha rilasciato le seguenti parole sulla Juventus di Allegri: “Allegri è un signor allenatore. A seconda della formazione che ha disponibile, cerca di dare il meglio. Lo Scudetto tanto lo vince l’Inter e siamo tutti straconvinti. Non abbiamo dubbi su questo. L’importante per la Juve è andare in Champions, poi allo Scudetto ci penseremo”

“Nelle ultime partite, le cose girano in un certo modo. Al di là del famoso pullman che ci dicono di mettere davanti alla porta. Poi però abbiamo anche degli autisti che quando aprono le porte, fanno uscire i passeggeri e fanno gol. Ogni riferimento a Gatti è puramente casuale”

La classifica delle squadre italiane più vincenti in Europa: Juventus davanti all'Inter
Salernitana, il repulisti di Iervolino: "A gennaio caccerei dieci giocatori. In tanti..."

💬 Commenti