Lo Monaco bacchetta De Laurentiis: "I contenuti delle critiche possono essere legittimi, ma non era il momento giusto" E su Giuntoli...

Ecco le parole di Pietro Lo Monaco sulle ultime dichiarazioni di De Laurentiis e sul futuro di Giuntoli al Napoli

Serena Baldi  | 
Pietro Lo Monaco, Ad del Catania (ph.zimbio)

A Radio Crc nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” è intervenuto Pietro Lo Monaco. Ecco le sue parole:

I contenuti delle critiche di De Laurentiis possono essere anche legittimi, il momento magari non è stato quello giusto. La FIGC è composta da un’incidenza grandissima dalle squadre di Serie A, di serie B, dagli arbitri per cui le decisioni non le prende un singolo senza l’avallo delle altre componenti. Che poi regole sono lacunose è vero, ma lo sono sempre state. Le plusvalenze sono sempre state accettate dal sistema, è un modo per sistemare i bilanci, ben venga regolamentare questo argomento. De Laurentiis vuole mettere un punto, tirare una linea e andare a normare prevedendo una sanzione per chi lo fa. Questa è una bella iniziativa. 

Tanto di cappello al lavoro che ha svolto il Napoli in sede di mercato, soprattutto per le ondizioni in cui è stato costretto ad operare. Non è semplice operare con la proprietà azzurra e invece Giuntoli è stato bravo e giustamente oggi è considerato uno dei direttori sportivi più bravi che c’è in giro. Ha avuto coraggio perché anche mandare via i vari Insigne, Koulibaly, Mertens e Fabian Ruiz non era facile, sostituendoli poi con giocatori sconosciuti lo è stato ancora meno. Kvaratskhelia ha una grandissima prospettiva ed è arrivato ad una cifra ridicola per cui tanto di cappello a chi ha fatto l’operazione, a Giuntoli e al suo entourage. Privarsi di Giuntoli adesso, non sarebbe facilissimo, ma bisognerebbe andare ad infilarsi nella mente di De Laurentiis per capire cosa ha in testa, certo ci potrebbe anche stare. Se Giuntoli dovesse avere un’offerta, De Laurentiis potrebbe anche lasciarlo andare". 

Vierchowod non ci sta: "Penalizzazione alla Juventus da togliere. Tutti hanno fatto plusvalenze: nell'inchiesta era stato detto che..."
Atalanta, problemi per Hojlund e Palomino: i dettagli