Fino a qualche settimana fa nessuno avrebbe pensato di discutere la promozione del Leicester di Enzo Maresca. I punti di vantaggio sulla seconda in Championship erano tanti, qualcuno aveva già preparato magliette celebrative e acquistato bottiglioni di champagne francese di ottima qualità. Oggi però le magliette sono state riposte almeno preventivamente negli scatoloni e lo champagne è stato sistemato con cura sugli scaffali delle cantine, dalla Francia fanno sapere che l'ordine non è rimborsabile.

Il Leicester trema: la Premier League è a rischio

Complice qualche sconfitta di troppo le Foxes di Maresca si ritrovano a battagliare punto a punto con le altre pretendenti alla Premier League, il Leeds è salito in cattedra prendendosi la prima posizione a quota 82 punti, stessi punti per il Leicester che ha una partita in meno e potenzialmente quindi potrebbe essere ancora primo. Attenzione però anche all'Ipswich Town (81 punti) che rimane aggrappato con le unghie alla coda del treno che viaggia diretto verso la promozione, senza fare fermate. La situazione del Leicester però si complica perché le Foxes potrebbero andare incontro a una penalizzazione, dopo che il club è stato accusato di presunte violazioni delle regole di redditività e sostenibilità. Come accaduto in Premier League per Everton e Nottingham Forest la sentenza non dovrebbe tardare ad arrivare, il rischio concreto è quello di una penalizzazione già in questo campionato e il blocco del mercato per la prossima stagione. Se in Italia su questioni simili i tempi sono decisamente più lunghi, in Inghilterra come già dimostrato, le autorità competenti non perdono tempo anche per non invalidare i campionati della prossima stagione. Il Leicester dovrebbe conoscere il proprio destino a stretto giro di boa, come accaduto ai due club di Premier.

Enzo Maresca
Enzo Maresca sulla panchina del Leicester City (ph. despositphotos)

La commissione indipendente ha il compito di analizzare la situazione finanziaria del club, che non avendo presentato il bilanci entro le tempistiche previste dal regolamento sarebbe passibile di penalizzazione. La mancanza di cooperazione con le autorità sarebbe alla base delle accuse, anche se il Leicester crede fermamente che la Premier League non avrebbe giurisdizione in merito, dato che la squadra di Maresca gioca in Championship

Il comunicato del Leicester e l'azione legale

Il club in primis ha deciso di tutelarsi con un comunicato ufficiale:

Il Leicester sostiene che ciascuno di questi procedimenti debba essere esaminato da un comitato legale appropriato e completamente indipendente. Il club è impegnato a garantire che eventuali accuse a suo carico siano determinate in modo corretto e proporzionato, in conformità con le norme applicabili, dagli organi giusti e al momento giusto

Il secondo passo da fare sarà quello di intraprendere un'azione legale urgente contro la Premier League e l'EFL. A Leicester erano già pronti alla festa, ma squadra, tifosi e allenatore dovranno attendere le decisioni che arriveranno dall'alto.

Per chi tifa Caressa? Il telecronista di Sky Sport confessa: "Non ci crederà nessuno"
Napoli, spunta Massara: l'ex Milan il possibile successore di Meluso

💬 Commenti