La rivoluzione che riguarderà Champions, Europa e Conference League nella prossima stagione potrebbe non fermarsi all'estensione del numero di squadre partecipanti da 32 a 36. La UEFA starebbe valutando una ulteriore riforma che porterebbe le italiane della Serie A cosi come le nazioni degli altri campionati del Vecchio Continente, ad avere fino ad undici squadre rappresentate nelle coppe europee.

Riforma UEFA: sette italiane in Champions League

Secondo quanto riportato da Calcio e Finanza, la UEFA in una riunione starebbe valutando una nuova riforma che aumenterebbe di molto il numero di squadre che avrebbero accesso all'Europa e ne beneficerebbero anche i club della Serie A. I posti disponibili per le italiane diventerebbero addirittura sette, rispetto ai quattro attuali e sarebbero suddivisi in questo modo:

  • Le prime quattro della classifica in campionato
  • La quinta in classifica nel caso in cui la federazione sia tra le due migliori nel ranking UEFA di stagione (la Serie A è attualmente in cima a questa graduatoria)
  • La vincitrice della Champions League se dovesse finire fuori dalle posizioni per le coppe in classifica
  • La vincitrice dell'Europa League se dovesse finire fuori dalle posizioni per le coppe in classifica
Europa e Conference League
Europa e Conference League

Europa e Conference League: ulteriori modifiche in vista

Rimarrebbero quattro posti liberi per le squadre di ogni federazione non assegnati alla Champions League, i quali verrebbero ripartiti tra Europa League e Conference League. I criteri sarebbero questi:

  • Tre squadre qualificate all’Europa League: una tramite campionato, una tramite coppa nazionale e una grazie alla vittoria della Conference League
  • Una squadra qualificata alla Conference League tramite campionato

LEGGI ANCHE: Napoli - Barcellona, il retroscena su Mazzarri: "E' troppo..."

  

Dove vedere Inside Out 2, streaming gratis Netflix, Now o Prime Video?
Napoli, si presenta Calzona: "Non ci sono più scuse, Barcellona? Non abbiamo paura..."

💬 Commenti