Jerry Cardinale, presidente del Milan
Calcio

Milan, dagli Stati Uniti l'ok al rinnovo di Maldini e Massara: biennale e budget concordato con RedBird. Il punto

Dagli Stati Uniti l'ok definitivo di Cardinale alla firma del duo dirigenziale: il Diavolo può finalmente operare sul mercato

Salvatore Delle Donne
29.06.2022 21:49

Dopo settimane di stand by è finalmente arrivata la tanto attesa fumata bianca per il rinnovo di Maldini e Massara. Dagli Stati Uniti è infatti arrivato l'ok alla firma sui contratti dei due dirigenti, i quali si legheranno al Milan per altre due stagioni con opzione sul terzo in base ai risultati conseguiti sul campo. Il Diavolo può operare sul mercato: c'è da porre rimedio ai mancati accordi con Botman e Sanches, da tempo sul taccuino di Maldini e Massara, ma finiti a sorpresa rispettivamente al Newcastle e al Psg causa questo lungo impasse.

Lungo impasse, provocato secondo i rumors dalle richieste del dt Maldini, il quale si aspettava un'estensione delle sue prerogative, più poteri decisionali, dopo il grande lavoro svolto che ha riportato il Milan sul tetto d'Italia. Un ruolo da direttore sportivo, come quello ricoperto da Marotta all'Inter ma al momento, non sembrano esserci stravolgimenti all'interno del quadro dirigenziale. Pertanto l'ex capitano rossonero rimarrà all'interno dell'area tecnica insieme a Massara. 

E' il momento di agire, l'inizio di stagione è alle porte, e il Milan non vuole farsi cogliere impreparato. Il neo presidente Jerry Cardinale avrebbe stimato per questa sessione estiva 50 milioni di euro per il mercato. Un budget non impressionante ma che Maldini e Massara sapranno certamente far fruttare. Sfumati come detto Botman e Sanches, il club rossonero sta valutando la pista Raspadori, per il quale è previsto un incontro con il Sassuolo nei prossimi giorni. Un investimento che non esclude un altro colpo: Ziyech e Dybala i nomi caldi

 

Sacchi, frecciata a Inter e Juventus: "Vincere con i debiti è come barare. Milan eccezionale rispettando le regole"
Gentile su Maradona: “Sono stato un deficiente, pensavo che non fosse un problema marcarlo”