Serie A

Caso plusvalenze, gli ultimi aggiornamenti: i numeri delle operazioni del Napoli. Cosa rischia il club partenopeo?

Ecco le carte sul Napoli in mano alla Procura FIGC: plusvalenze fittizie per 19 milioni e impatto sul patrimonio di circa 29 milioni

Filippo Rocchini
11.04.2022 18:18

Domani si svolgerà la prima udienza davanti al Tribunale Federale per il caso delle plusvalenze, in cui sono coinvolti undici club: Juventus, Napoli, Sampdoria, Pro Vercelli, Genoa, Parma, Pisa, Empoli, Chievo, Novara e Pescara (nella prima tranche di accuse, mentre un secondo filone di indagine riguarda l’Inter). Calcio e Finanza ha potuto visionare il fascicolo della Procura FIGC riguardante il club azzurro: la Procura spiega che delle 62 operazioni totali ne vengono analizzate 5 riguardo il club partenopeo, in particolare sull'affare Osimhen. Le cessioni di Karnezis e i tre Primavera sono valse in totale 20,1 milioni per 19,8 milioni di plusvalenza. Secondo l'accusa degli inquirenti, il reale valore dei giocatori ceduti è pari a 470mila euro, con plusvalenze fittizie per 19,3 milioni, mentre il reale valore di Osimhen è pari a 52 milioni e non a 71,2 iscritti a bilancio. "Pertanto, risulta iscritto nell’attivo patrimoniale un maggior valore di Euro 19.250.000 e maggiori ammortamenti per euro 7.700.000", si legge nella nota.


Sono due gli effetti immediati di quest'unica grande operazione che riguarda 5 calciatori: un patrimonio netto rettificato da 108,8 milioni a 74,1 milioni nel bilancio semestrale al 31 dicembre 2020; un patrimonio netto rettificato da 85,2 milioni a 56,2 milioni nel bilancio semestrale al 31 marzo 2021. Per la Procura FIGC, dunque, l'impatto sul patrimonio netto è di 28,9 milioni al 31 marzo 2021. Secondo l'accusa, tuttavia, tutto ciò non ha inciso sull'iscrizione al campionato, motivo per cui il deferimento nei confronti del Napoli e dei suoi 5 dirigenti (Aurelio De Laurentiis, Jacqueline Marie Baudit, Edoardo De Laurentiis, Valentina De Laurentiis e Andrea Chiavelli) riguarda solo l'illecito amministrativo. La conseguenza, dunque, dovrebbe essere solo una sanzione pecunaria.

LEGGI ANCHE: Caso plusvalenze, gli ultimi aggiornamenti: i numeri delle operazioni della Juventus. Cosa rischia il club bianconero?

Sconcerti attacca l’Inter su Calciopoli: “Li hanno fatti vincere senza motivo, arrivarono terzi”
Sky, addio al commento tecnico? Ecco come cambia la telecronaca dei match