Le clamorose parole di Dino Baggio sull’assunzione di sostanze da parte di molti calciatori in passato, ha innalzato un polverone sul calcio italiano. L’ex calciatore Massimo Brambati, ha rivelato di aver fatto uso di sostanze che all’epoca erano lecite, ma che ora sono vietatissime, durante la sua ultima intervista a TMW Radio. Ecco un estratto delle sue parole, raccolto per voi da Il Pallone Gonfiato

div id="124212-2">

“Nei primi anni 2000 io mi trovavo in televisione e dissi che ero molto spaventato perché ricordo che alle Olimpiadi di Seul, oltre al Micoren, ci facevano delle flebo dove non so cosa ci fosse. Mi ricordo che c'era una certa brillantezza nel giocare in quelle situazioni. Come dissi certe cose arrivò una troupè de Le Iene sotto casa per parlarne. Io denunciai questa cosa e mi arrivò una lettera da parte della Federazione che mi minacciava che sarebbero andati per vie legali.

Oggi, dopo quello che sta succedendo, e anche io sono molto preoccupato. Il Micoren lo prendevamo come caramelle, erano sostanze che facevano male ma aiutavano la prestazione sportiva e oggi sono super-vietate.

Ieri ha parlato Dino Baggio e sono contento lo abbia fatto.

Rifaccio questa denuncia, quello che capita oggi a certi giocatori forse è anche dovuto a qualcosa che veniva preso per aumentare la prestazione sportiva e rendere più performanti i giocatori. Io ho paura, non lo nego. Prendevo delle sostanze che all'epoca erano consentite, lo so perché feci esami antidoping all'epoca e lo feci anche in quel Bari-Napoli che costò a Maradona la squalifica. Sono spaventato, la paura la condivido con tanti altri che hanno giocato in quegli anni".

La classifica delle squadre italiane più vincenti in Europa: Juventus davanti all'Inter
Caressa boccia giocatore di un top club: “Colpa della squadra? Lui ha fatto peggior match mai visto”

💬 Commenti