Stefano Pioli nella consueta conferenza stampa pre match. Nella 22 esima giornata di Serie A, i rossoneri affronteranno in casa il Bologna. Secondo il tecnico del Diavolo, il Milan non rientrerebbero nella corsa scudetto, come detto dal tecnico Allegri.

Lotta scudetto, Pioli risponde ad Allegri 

Ecco la risposta secca di Pioli ad Allegri sulla lotta scudetto:

"Scudetto? Non siamo in quella lotteria lì. Dobbiamo pensare solo alla partita di domani, il nostro futuro deve essere la partita di domani


Milan-Bologna si giocherà a un anno dalla scomparsa di Mihajlovic e a pochi giorni dalla scomparsa di Riva...
"Non si può non ricordare Sinisa: manca a tutto l'ambiente, così come mancherà la persona di altri tempi come Gigi Riva".

La tua squadra deve avere lo spirito di Sinner?
"Ho visto la partita perché sono andato a letto e presto e mi sono svegliato presto. Sinner ha fatto qualcosa di incredibile, battere il numero uno come l'ha battuto lui in uno Slam, con questa forza, mentalità, con sacrificio nel lavoro... Mi auguro che anche noi in questi anni abbiamo dimostrato di poter lavorare in quel modo. Credo che abbiamo dimostrato di essere simili a Jannik, anche se lui è ora al top del mondo e noi dobbiamo ancora arrivarci".

Da fuori sembra che il vento sia cambiato in favore di Pioli:
"Credo che la squadra stia vivendo un buon momento e sta bene mentalmente. Stiamo bene mentalmente perché abbiamo vinto delle partite. Dobbiamo pensare solo alla partita di domani, il nostro futuro deve essere la partita di domani. Io la vivo come ieri. Oggi ho preparato la partita, ho cercato di motivare i ragazzi, sappiamo come è importante fare bene nel girone di ritorno. Domani è difficile, il Bologna gioca un ottimo calcio. Ci siamo preparati per mettere in campo una prestazione degne delle nostre qualità".

Milan-Bologna, Pioli su Leao 

Leao Rafael

Leao in difficoltà?
"Questa storia sta andando avanti da troppo tempo e credo che non è così. Se abbiamo segnato molto di più dell'anno scorso e siamo il secondo miglior attacco del campionato dentro che queste cifre Rafa ci stia tanto. È un punto di riferimento per noi e anche per le difese avversarie, ci sta offrendo tante soluzioni, sta servendo dei gran palloni. È uno dei giocatori che in Serie A fornisce più assist. Amo Rafa nel suo modo di essere, è un artista, gli artisti sono dei geni e lui è un genio".

Sui fatti di Udine:
"Complimenti all'Udinese per come si è comportata. Ci deve essere la certezza della pena per chi fa certe cose. Tutto ciò che è stato fatto verso Mike, anche dal nostro club, va portato avanti perché è il momento di agire con fermezza. Mike l'ho trovato sereno, forte, fiero del sostegno ricevuto da tutto il mondo".

Bisogna migliorare in difesa?
"Dobbiamo continuare sul nostri stile di gioco, che è quello di difendere gestendo più la partita; dobbiamo forzare meno giocate: cerchiamo sempre la giocata vincente anche quando non c'è. Credo che non saremo mai una squadra così solida senza palla, ma lo possiamo essere con la palla".

Giroud ha detto che durante la tempesta ti ha parlato. Secondo te la tempesta è passata oppure no? 
"No perché viviamo di risultati. So benissimo come vanno queste situazioni. Siamo impegnati a pensare di far risultato nella partita di domani. In una stagione ci sono alti e bassi, pochissime squadre al mondo si possono permettere abbassamenti di performance e condizione. Sono molto attenti e concentrati su domani e sul cercare di vincere la partita".

Klopp lascerà il Liverpool... Esiste un periodo di tempo per un allenatore in un club?
"Difficile da dire, mi piacerebbe provare questa situazione (ride, ndr). Arrivare a 9, 10, 11 anni in un club e poi dire "Ma forse è il momento di cambiare posto". Certo che è un lavoro molto intenso e impegnativo. 9 anni sono davvero tanti, Guardiola ne sta facendo altrettanti. Ferguson ne ha fatti ancora di più... Ognuno di noi deve vivere a secondo delle proprie emozioni e motivazioni e poi decidere in base a quello che sente".

A Udine molto bene i subentranti...
"Siamo la squadra che segna di più nel primo tempo e anche quella che ha avuto più gol dai subentrati: dobbiamo continuare così. Adesso con i 5 cambi si possono cambiare le partite. Questo atteggiamento di disponibilità deve essere un nostro punto di forza. Jovic è cambiato che finalmente sta bene fisicamente. È contento, sereno, sta bene. Sulle qualità non ho mai avuto dubbi. È un giocatore sul quale faccio tanto affidamento anche se probabilmente anche domani partirà dalla panchina". 

Aiuta non avere le coppe ora?
"Dobbiamo pensare di poter essere competitivi in due competizioni perché è il nostro obiettivo, arrivando fino in fondo in Europa League tenendo alto il livello in campionato. Anche se ci sono tanti esempi in Italia di squadra andate avanti in Europa League che poi hanno fatto fatica in campionato... Noi vogliamo essere un'eccezione anche in questo".

Bologna una delle rivelazione della stagione... Cosa ne pensa di Zirkzee?
"È un ragazzo giovane che ho seguito in passato al Bayern prima di andare al Parma. Ora è molto più completo, più dentro la partita, grande qualità tecnica. Sarà da tenere in grande considerazione dalla nostra fase difensiva".

Come marcare Zirkzee?
"Per come lavoriamo noi in fase difensiva vorremmo che i nostri centrocampisti lavorassero forte sui loro centrocampisti e i nostri due centrali sulla loro punta".

Teme più il palleggio o la profondità del Bologna?
"Entrambe le cose, sono una squadra completa. Soprattutto Ferguson come mezzala di inserimento è sempre molto pericoloso".

Si dice che al Milan manchi un frangiflutti... "A me piacciono le caratteristiche di Adli e Reijnders, che sono dei frangiflutti, ma hanno altre caratteristiche. In questo momento non abbiamo un frangiflutti perché non lo vogliamo".

Con una vittoria domani il Milan sarebbe a pari con l'anno dello Scudetto...
"Sarebbe molto significativo".

La classifica delle squadre italiane più vincenti in Europa: Juventus davanti all'Inter
Sci, brutta caduta per Shiffrin a Cortina: portata via in elicottero (VIDEO)

💬 Commenti