Alice Campello è stata ospite di Mamma Dilettante il podcast di Diletta Leotta dedicato alle esperienze e alla vita delle mamme. 

Il racconto di Alice Campello 

Ecco le parole della moglie di Alvaro Morata attaccante dell'Atletico Madrid:

"Al terzo mese mi sono svegliata una mattina con il letto pieno di sangue. Ho avuto paura di perdere la bambina che ho sempre desideratoAncora oggi non sono completamente a posto del tutto, solo grazie ai donatori di sangue posso raccontare la mia storia. Non volevo far vedere la mia sofferenza ad Alvaro che vive dei miei stati d'animo.

Alvaro per 12 ore non ha saputo niente di quello che mi stava succedendo. Questo episodio ci ha unito, se possibile, ancora di più".

Alice Campello e i consigli della mamma di Morata

Alice Campello e Alvaro Morata

Nonostante  il momento difficile e delicato vissuto, Alice Campello non ha accantonato del tutto l'idea di avere ancora figli, ecco cosa ha rivelato a Diletta Leotta:

"Alvaro non ci pensa neanche, fisicamente so che è difficile o impossibile, capisco che non posso averne più. Ma lasciare lì l'idea mi piace, perché il pensiero di non avere più un bebè mi uccide. Mia suocera mi aveva detto 'Se fai vedere il sedere alla luna c’è più probabilità di avere un parto gemellare'. Le ho voluto dare ascolto e così mi sono messa sul terrazzo e ho compiuto quello strano rito propiziatorio. Ero così tanto ossessionata che ci ho voluto credere, ma non ha funzionato". 

Alice Campello sul matrimonio con Alvaro Morata

"È un compagno di vita meraviglioso, ancora di più di quello che sembra. Non ho mai conosciuto nella mia vita una persona così pura, così sincera. A volte lo devo invitare alla calma, perché è troppo premuroso, non solo con me, ma anche con le persone a cui tiene. Non mi può vedere triste, vive proprio per me. A volte sento che vive più per me che per i bambini".

La classifica delle squadre italiane più vincenti in Europa: Juventus davanti all'Inter
Serie A, le probabili formazioni di Juventus-Sassuolo: torna Rabiot dal 1'

💬 Commenti