Walter Sabatini
Serie A

Sabatini: "Addio Salernitana figlio di equivoco su Coulibaly. Pogba l'avevo preso alla Roma, ma Raiola..."

Le dichiarazioni dell'ex direttore sportivo della Salernitana sulle motivazioni che l'hanno portato alla separazione dai granata e un retroscena di mercato

Filippo Rocchini
05.06.2022 11:04

"È una triste fine per un’avventura che ci ha fatto esplodere di gioia. È stata imbrattata una tela del Caravaggio, ma non è certo qualche schizzo di fango sulla tela che può sminuire un’opera d’arte". Queste le parole di Walter Sabatini, fresco di divorzio con la Salernitana a causa di una lite con il presidente Danilo Iervolino. L'ormai ex direttore sportivo granata torna sulla vicenda e racconta la verità sulla separazione in un'intervista al Corriere della Sera:

"È tutto figlio di un equivoco. Nel caso di Coulibaly, assurto agli onori delle cronache, rifarei cento volte tutto. Ho solo cercato di difendere un patrimonio della Salernitana, messo a repentaglio da una clausola secondo cui il ragazzo poteva liberarsi a 20mila euro in B e a 1,7 milioni in A: un accordo che ovviamente non avevo fatto io. Il presidente, perfettamente al corrente di tutto, mi ha dato mandato di risolvere la questione perché non voleva assolutamente perdere il giocatore, e io mi sono limitato a trasferirgli le richieste degli agenti. Stava a lui decidere se accettarle o se perdere Coulibaly. In passato, sul tema delle commissioni ho fatto battaglie di principio, nobilissime ma alla fine anche dannose".

Il direttore ha poi ha raccontato un retroscena di mercato: "Ho avuto scontri tremendi con agenti che esageravano. Ma, per esempio, mi rimprovero ancora quando ai tempi della Roma litigai a sangue con il povero Raiola, perché venne a chiedermi una commissione di 4 milioni su un giovanissimo Pogba. Ci insultammo a vicenda, oggi mi rammarico invece molto e sono convinto di aver fatto una cavolata colossale, perché quella era sì un’operazione eticamente ai limiti, ma alla fine avrei portato alla Roma un valore tecnico e patrimoniale enorme. Non ho avuto il coraggio di farlo. Sono le cose del calcio: c’è una questione generale sulla quale siamo tutti, o quasi, d’accordo; poi ci sono le situazioni particolari, contingenti, nelle quali bisogna pensarci un attimo e valutare la bontà dell’occasione. Il calcio, spesso, si fa affrontando certe questioni".

Ravezzani: "Il Milan rischia di fare la fine dell'Italia. Leao? Fenomeno solo contro Sassuolo e Torino"
Sconcerti sull'Italia: "L'uomo del nuovo inizio è Gnonto. Tonali già imprescindibile"