Caressa fonte facebook
Serie A

Caressa, il retroscena sul derby di Roma: "Mi gonfiarono di botte. C'era un omone con la parrucca"

In un video su Youtube Fabio Caressa ha rivelato un triste aneddoto relativo a un derby Roma-Lazio

Giuseppe Biscotti
23.09.2022 17:37

Nel video sui derby calcistici più infuocati, Fabio Caressa ha parlato così di Roma-Lazio:

 “Chi vive a Roma sa benissimo quanto vale. Vi dico solo che io ero presente al derby che è stato sospeso e ho detto tutto. Quella sera mi sentivo in un film tipo Apocalypse Now. C'erano i tifosi in campo e girava la voce che era morto un bambino. Notizia falsissima che continuavano a darmela, ma io e Beppe non dicemmo nulla perché così si fa in quelle occasioni”. 

LEGGI ANCHE: Ravezzani: "Il Milan rischia la fine dell'Italia. Leao? Facile fare il fenomeno contro Sassuolo e Torino"

“Mi hanno pure menato a un derby quando lavoravo per TeleRoma56. Mi hanno gonfiato di botte. Era il primo derby dopo il ritorno della Lazio in Serie A, la fine degli anni '80. Ero con una troupe e girava voce tra i tifosi che la polizia girasse con delle telecamere per riprendere i tifosi. Gli ultras andavano in giro con le parrucche” ha continuato Caressa.  

LEGGI ANCHE: Ordine: "Spareggio Scudetto? Lo ha chiesto Marotta. Erano infastiditi che il Milan..."

"Ero fuori dallo stadio e arriva un omone enorme con parrucca e occhialoni per non farsi riconoscere che urlava 'Siete spie!'. Io ho provato a dirgli che stavo facendo solo il mio lavoro. Degli amici gli urlarono 'Sono spie!', 'Je menamo'. Mi arrivò una centra in faccia e da lì il buio, mi hanno gonfiato. Adesso rido ma all'epoca mica tanto" ha concluso il telecronista di Sky.

Sacchi, frecciata a Inter e Juventus: "Vincere con i debiti è come barare. Milan eccezionale rispettando le regole"
Cassano bacchetta i detrattori di Arthur: “Giocatore fenomenale, ridicolizzato in Italia”