Non Solo Sport

Mughini sul Battaglione Azov: "Nazisti? No, sono degli eroi massacrati come cani. Basta deriderli"

Il giornalista ha rilasciato le seguenti parole a Dagospia sulla Guerra in Ucraina

Francesco Rossi
29.03.2022 19:46

Mughini

 

Giampiero Mughini ha parlato della Guerra in Ucraina a Dagospia, soffermandosi in particolar modo sul Battaglione Azov, ritenuto di essere simpatizzante del regime nazista. Ecco il suo pensiero in merito:

"Sul Fatto ho letto un articolo che li deride, che li taccia di essere dei 'nazisti' punto e basta, dei nazisti loro che stanno probabilmente per essere uccisi come cani da un esercito le cui doti cavalleresche sono dubbie". Quello che evidente sfugge al Fatto e a tutto il popolo dei "né-né", che nei fatti finisce per avallare (se non sostenere) l'invasione russa, è che "la guerra è spaventosa, più che questo; e non è che in ciascun frangente della guerra è facilissimo tracciare una linea di demarcazione tra i 'buoni' e i 'cattivi. Qquelli del battaglione Azov sono oggi ai miei occhi dei 'buoni', degli eroi, altro che dei nazisti da indicare al pubblico disprezzo mentre stanno per essere massacrati".

Baggio contro Bruno? “Ex calciatori professori in tv, non sapevano fare tre palleggi con le mani”
Turchia-Italia, le formazioni ufficiali: amichevole tra le due sconfitte dei play off Mondiali