Intervistato da Radio Blu, Aldo Agroppi ha attaccato duramente l’ex leggenda della Juventus, Roberto Bettega. L’ex tecnico viola è noto per i suoi attacchi ai tifosi juventini e pure questa volta, l’ex calciatore del Torino non si è tirato indietro. 

Agroppi e la sua antipatia per la Juventus 

L’ex calciatore ha rilasciato il seguente aneddoto a Radio Blu, dove successivamente ha pure parlato dei tifosi della Juventus e Roberto Bettega: “Le gare con la Juve si preparano da sole e nel 1985/86 lo facemmo al meglio. In quelle gare l'allenatore più sta zitto e meglio è, per non rischiare di caricare troppo i giocatori e l'ambiente. Quel 6 Aprile 1986 ci furono due bei gol di Passarella e Berti. Io arrivai a Firenze quell'anno come esordiente: avevo allenato solo in B e al primo anno di A battere la Juventus fu una gioia immensa; al gol di Berti mi lasciai andare"

Agroppi
L’ex calciatore del Torino, Aldo Agroppi



La frecciata velenosa di Agroppi a Bettega e ai tifosi bianconeri 

Come anticipato, l’antipatia tra Agroppi e la Juventus nel corso degli anni, non ha fatto altro che aumentare vertiginosamente. Il passato nel Torino da parte dell’ex calciatore toscano, si fa sentire nelle sue critiche bei riguardi dei bianconeri. Agroppi ha criticato in maniera piuttosto dura Roberto Bettega, ex bomber di spessore della Juventus, nonché ex dirigente della famosa “triade, composta da lui, Giraudo e Moggi. Ecco le parole al veleno di Agroppi, dove anche in questo frangente, ha lanciato una frecciata ai tifosi juventini:

"Bettega era un giocatore antipatico, falloso, era uno snob, insopportabile come tutti gli juventini e con il crescere non è che sia migliorato"

Le dichiarazioni di Agroppi, faranno certamente discutere sul web i numerosi tifosi della Juventus, dato il duro attacco nei confronti di un calciatore storico come Bettega. 

La classifica delle squadre italiane più vincenti in Europa: Juventus davanti all'Inter
Lecce pronto a rinforzare l'attacco: Santiago Pierotti vicino alla chiusura

💬 Commenti