Parole forti, quelle pronunciate da Umberto Chiariello. Il noto giornalista di fede partenopea, nel corso del suo editoriale su Canale 21 e a due giorni dalla delicata della sfida in programma all’Arechi, ha spiegato le motivazioni per le quali la partita tra Napoli e Salernitana è tutt‘altro che un derby, facendo storcere il naso a tanti tifosi granata:

Derby tutto unilaterale, per i tifosi salernitani. Noi napoletani non lo viviamo come un derby con la Salernitana e i tifosi granata. Negli anni  80 la serie B era un tabù per la squadra granata. Ci ha provato per ben 27 anni. Ci è arrivata a cavallo degli anni 2000 grazie all’epopea con Delio Rossi, protagonista del doppio salto dalla C alla A. Il caso ha peró voluto che il Napoli in quel periodo non ci fosse. Quando il Napoli è poi risalito l Salernitana era già retrocessa. Ci si è incontrati poche volte e per di più in B. Nessuna rivalità calcistica“.

 

 

La classifica delle squadre italiane più vincenti in Europa: Juventus davanti all'Inter
Galliani, cuore rossonero: “Il Milan ha ancora lo scudetto cucito sul petto. Stiamo calmi”

💬 Commenti