Bologna-Inter (ph Image Sport)
Serie A

Bologna-Inter, ancora non c'è il ricorso nerazzurro: rischio recupero a fine stagione. Il web ironizza

Sta facendo molto discutere il recupero tra felsinei e nerazzurri con quest'ultimi, che devono presentare ancora il ricorso

Andrea Riva
10.03.2022 13:00

Il match di campionato tra Bologna-Inter non disputato lo scorso 6 gennaio per un focolaio Covid nella squadra felsinea, sta facendo sempre più discutere: infatti manca ancora l'ultimo passaggio, ovvero quello del Collegio di Garanzia dello Sport presso il CONI.

“La Gazzetta dello Sport” ha fatto uscire oggi un articolo che sull'argomento ricorsi si è fermi al 23 febbraio, quando la Corte Sportiva d'Appello ha pubblicato le motivazioni che hanno dato ragione alla squadra felsinea.

Da quel giorni il club nerazzurro non ha ancora inoltrato ricorso ed ha tempo fino al 25 marzo e solo una volta arrivato si potrà calendarizzare l'udienza, con l'ipotesi più gettonata a questo punto di aprile inoltrato (intorno alla metà del mese). Considerando che il 20 aprile l'Inter sarà impegnata nel ritorno della semifinale di Coppa Italia contro il Milan, le due date possibile sarebbero il 27 aprile o il 4 maggio, anche perchè il giorno 11 sarà in programma la finale di Coppa Italia, dove la squadra di Simone Inzaghi potrebbe essere impegnata.

Insomma alla fine si giungerà alla fine della stagione con polemiche annesse, come già successo in questi ultimi giorni. Anche sui social ci sono tantissimi tifosi (soprattutto quelli di Milan, Napoli e Juventus) che ironizzano a riguardo con commenti più o meno duri, dove molti ipotizzano che l'Inter ne stia approfittando per arrivare a giocare il match con i suoi avversari già aritmeticamente salvi.

LEGGI ANCHE: Bargiggia demolisce DAZN: “Stupro della telecronaca, da loro la goccia che ha fatto traboccare il vaso...”

ESCLUSIVA IPG - John O'Shea: "Trapattoni e Ferguson straordinari. Cristiano Ronaldo sempre motivato"
Comunicato del Chelsea: "Sanzioni per Abramovich, ma il club continuerà a operare il più normalmente possibile"