Luca Toni
Qatar 2022

Trevisani: "Leao è meglio di Cristiano Ronaldo". Poi inizia il dibattito con Luca Toni e Sabatini

Al programma Kickoff diretto da Pengwin, Luca Toni e Riccardo Trevisani hanno avuto un vivace dibattito riguardo la posizione di Cristiano Ronaldo

Andrea Ghidotti
08.12.2022 20:58

Nella trasmissione Kickoff di Twitch diretta dal tipster Pengwin, Luca Toni e Riccardo Trevisani hanno avuto un diverbio sulla situazione di Cristiano Ronaldo. Il tutto è partito con la presentazione di un sondaggio fatto da Bolà, testata giornalistica portoghese, in cui sono stati intervistati alcuni tifosi portoghesi e il 70% di questi hanno risposto che Cristiano Ronaldo dovrebbe stare in panchina. Riccardo Trevisani ci tiene a specificare che il sondaggio era stato fatto anche a giugno prima di Spagna-Portogallo e lì la percentuale era del 58%, inferiore, ma comunque sempre in vantaggio rispetto all'idea di tenere il fenomeno portoghese in panchina.

L'ATTACCO DI TREVISANI


“La percentuale è salita in pochi mesi, se Ronaldo gioca altre tre partite oscene come contro la Corea del Sud diventa 100%. AI portoghesi non gliene frega niente di Ronaldo, vogliono vincere il Mondiale, il prossimo Europeo, il prossimo Mondiale e serve qualcuno che faccia bene in campo. Ronaldo oggi fa meno bene di Leao, che essendo del 99 e non dell'85 è meglio”.

LA RISPOSTA DI LUCA TONI

“Son giocatori diversi. Leao lo fai giocar centroavanti?" ovviamente Trevisani dice che Leao non è una punta e l'ex attaccante della Nazionale italiana prosegue: “E chi fai giocare al posto di Ronaldo?”. A questa domanda Trevisani risponde: “Tutti. Hanno una squadra fortissima, chiunque metti va bene. Ma io non sto dicendo che Ronaldo non deve giocare, dico che Ronaldo deve giocare un numero di minuti che gli regge il fisico per giocare".

IL PROSEGUO E LE PAROLE DI SABATINI

Poi Sabatini lo interrompe richiamandolo alla calma: 

“Tu non puoi dire le cose in contraddizione e poi quando ti fanno i video trovi una scappatoia. Se tu dici può giocar chiunque al posto di Ronaldo, poi non puoi dire: allora deve giocare un numero limitato. E ti salvi così. Te sei d'accordo con il sondaggio, te faresti fuori Ronaldo da questo Portogallo, per me sbagli”.

Trevisani riprende e continua: 

“Io non voglio Ronaldo titolare, voglio che Ronaldo faccia mezzora”.

Luca Toni: 

“Secondo te in una partita di 90 minuti, corre di più Ronaldo o Messi?".

Trevisani quasi imbarazzato chiede con tono titubante: 

“Che c'entra?”.

Toni allora riprende le affermazioni fatte sul fisico di Ronaldo da parte di Trevisani, che inizia un discorso sull'età.

Sempre Toni si chiede il motivo di questo accanimento su Cristiano Ronaldo, portando gli esempi degli altri leader delle varie Nazionali e chiede come mai Cristiano al momento non può aver voce in capitolo sul gruppo squadra.

Luca Toni commenta sottovoce:

 “Mi vengono i brividi”. 

E Sabatini lo sostiene con un gelido: 

“Anche a me”.

Poi Sabatini conclude il discorso dopo un'ultima sfuriata di Trevisani:

"Però ragazzi va bene tutto, però ora dire che Ronaldo è nocivo per il Portogallo…può non piacere. Io quello che voglio far passare è che c'è modo e modo anche per affermare la propria, non è che uno rincarando la dose e arrivando ad alzare la voce e anche, nel modo più semplice possibile, arrivare ad offendere, afferma la propria ragione. Perché francamente mi sembra esagerato quello che stai dicendo di Ronaldo, te lo devo dire".

Trevisani torna a sbottare e Sabatini riprende: 

"Questo è l'esempio che uno per aver ragione deve alzare il tono di voce, ma ragazzi è anche possibile, non è che hai fatto un sondaggio tra supponiamo gli allenatori del campionato portoghese, non hai fatto un sondaggio chiamando Jeda, Luca Toni e Nuno Gomez e Rui Costa. Hai fatto un sondaggio ai tifosi, tu lo sai benissimo, che ragionano di pancia, ma non è che sono come dire Laureati a Coverciano".

Sapete quanto è ricca Exor? Un patrimonio incredibile frutto di investimenti in diversi settori
Trevisani sulle telecronache di Adani: "Ogni tanto capita di scapocciare durante una telecronaca"