Il ritorno di Coletti al Foggia era ormai noto ai più da alcuni giorni, eppure sul quarto approdo in Capitanata di Tommaso Coletti non sono mancate le novità. L'ex regista e centrale difensivo si è presentato nella giornata di oggi, venerdì 5 gennaio, nella sala stampa ‘Fesce’ per la consueta conferenza della vigilia di un match di campionato. Prenderà ufficialmente il posto di Antonacci, vice di Cudini che ha risolto anche lui il contratto da poco. Guiderà il gruppo insieme ad Antonio Vacca, con Olivieri che tornerà ad occuparsi della formazione Primavera. Coletti agirà con deroga, non potendo guidare una formazione da Serie C.

Foggia, le parole di Coletti

Pallone Serie C
Pallone Serie C della passata stagione

Queste le parole di Coletti, che ha parlato anche di De Zerbi, allenatore del Brighton e amico di Lele Adani:

“Roberto è una grandissima fonte di ispirazione per noi, come tecnico e come uomo. Avendo avuto la fortuna di averlo come allenatore, ci ha aperto un mondo. Studiamo da tempo le sue squadre ed i suoi princìpi. Ciò non significa che bisogna copiare, significa che certi princìpi vanno sempre adeguati ai calciatori in rosa. La costruzione dal basso ed il giocare a calcio fanno parte del nostro vocabolario, buttare la palla a caso non è nelle nostre idee.”

Le parole di Coletti sulle problematiche offensive

Queste le parole di Coletti, che insieme a Vacca guiderà il Foggia, sulle problematiche offensive:

“Io sono stato educato in un certo modo. I giocatori che ho sono i più forti che ci sono e sono felice di sfruttare le loro caratteristiche. Quando arriveranno altri giocatori sarò contento. Qualcuno è meno specifico al nostro credo, ma sono difficoltà a cui si può ovviare con lavoro e predisposizione. Il nostro punto di forza è che ci sono tanti giocatori forti tecnicamente.”

 

 

La classifica delle squadre italiane più vincenti in Europa: Juventus davanti all'Inter
Genoa, Onofri rivela: "Per arrivare a Dragusin il Napoli inserisce anche Simeone"

💬 Commenti