La Juventus di Massimiliano Allegri non va oltre il pari nel match giocato nella serata di oggi, sabato 13 aprile, contro il Torino di Ivan Juric. I bianconeri salutano dunque matematicamente lo scudetto, puntando il secondo posto attualmente occupato dal Milan come obiettivo. Adrien Rabiot, centrocampista della Juventus ex PSG, ha rilasciato delle dichiarazioni dopo il match ai microfoni di Sky.

Juventus, le parole di Rabiot

Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri pensa

Queste le parole di Rabiot dopo il match pareggiato con il Torino:

“Il primo tempo mi è piaciuto, abbiamo fatto bene ed abbiamo creato tanto. Non abbiamo segnato e quando non segni puoi rischiare, ti abbassi un po' e perdi fiducia. La partita può girare male, ma secondo me abbiamo creato qualche occasione in cui potevamo fare gol, soprattutto nel primo tempo. Le settimane passate sono state un po' difficili. Volevamo due vittorie di fila, ma guardiamo la cosa positiva: abbiamo preso un punto che non era scontato, il Torino è una squadra ostica e fisica.”

Rabiot sul suo futuro

“Sono rimasto alla Juventus perché volevo rimanere, aiutare questa squadra a tornare in Champions League, me lo ha chiesto anche la società. Sono rimasto per questo obiettivo. Se raggiungiamo l'obiettivo, vedremo e parleremo. Sarebbe meglio dal mio punto di vista, ma ci dobbiamo ancora parlare. Non sto parlando con la società di rinnovo perché in questo momento dobbiamo concentrarci sul campo, sulle partite da giocare. Tutti, a partire da Giuntoli ed Allegri, sono concentrati su quest'obiettivo. Poi potremo parlare di futuro. La mia volontà è quella di tornare in Champions League con la Juventus, anche se non fossi qui l'anno prossimo il mio obiettivo personale sarebbe quello di far tornare la Juve in Champions e di vincere la Coppa Italia.”

LEGGI ANCHE: Manna assente allo stadio per Torino-Juventus: accordo con il Napoli

 

 

Serie A, DAZN punta sempre di più sulla sua modalità gratuita
Sassuolo-Milan, è 3-3 al Mapei: Okafor salva il Diavolo nel finale

💬 Commenti