Zazzaroni
Serie A

Zazzaroni: "La Juventus è più debole dell'anno scorso. Sapete perché?"

In un editoriale sul CorSport Ivan Zazzaroni ha detto la sua sul mercato dei bianconeri andando controcorrente nella valutazione

Giuseppe Biscotti
07.08.2022 15:57

Per molti la Juventus è stata la regina del mercato estivo con gli arrivi di Pogba, Di Maria e Bremer. Ma Ivan Zazzaroni non è d'accordo e lo ha espresso in un articolo su Il Corriere dello Sport

"Ad occhio mi sembra più debole dell’ultima, quarta a fine maggio. Parlo naturalmente della Juventus e ne faccio una questione aritmetica. Da giugno a oggi, e per differenti motivi, Allegri ha perso Chiellini, De Ligt, Bernardeschi, Dybala e Morata. Bremer ha sostituito l’olandese e Di Maria la Joya". “L’acuto della sessione estiva è stato il Pogback: sfiga ha voluto che il francese si sia infortunato durante la tournée negli Stati Uniti (menisco esterno) e risulti ripresentabile solo a ottobre, dal momento che ha scelto la terapia conservativa. Il recupero a tempo pieno di Federico Chiesa è invece previsto dopo la lunga sosta per il Mondiale degli altri, ovvero a gennaio”. 

LEGGI ANCHE: Ravezzani: "Il Milan rischia la fine dell'Italia. Leao? Facile fare il fenomeno contro Sassuolo e Torino"

"Rispetto al campionato appena concluso il tecnico si ritrova perciò con tre giocatori e 19 gol in meno (trascuro gli assist), se si considerano esclusivamente quelli realizzati da Morata (9) e Dybala (10). Dato che per vincere uno scudetto servono tra i 75 e gli 80 gol e che sei mesi di Chiesa e sette e mezzo di Pogba, un’intera stagione di Kean (5 centri nel 2021-22) e la media francese di Di Maria (8 l’anno) possono valere – calcolo spannometrico – una trentina di reti, a voler essere ottimisti, potrà bastare il solo Vlahovic per le 45-50 mancanti?" ha concluso Zazzaroni

Sacchi, frecciata a Inter e Juventus: "Vincere con i debiti è come barare. Milan eccezionale rispettando le regole"
Oppini: "Juve, parlare già di funerali al 3 agosto è esagerato! Roma? Buon mercato, ma con gli scarti delle big"