Mourinho (Ph. Image Sport)
Serie A

Mourinho: "C'era un rosso a Zanoli e non ha fischiato un rigore a Zaniolo. Oggi era impossibile vincere"

Le parole di José Mourinho al termine di Napoli-Roma

Francesco Perna
18.04.2022 20:20

José Mourinho, allenatore della Roma, è intervenuto ai microfoni di DAZN per commentare il match con il Napoli. Ecco le sue dichiarazioni: 

LEGGI ANCHE: Made in Sud 2022, streaming gratis Rai Play o Comedy Central? Dove seguire la prima puntata LIVE

"Non credevo di fare risultato qui, non perché la mia squadra non abbia giocato bene, ma perché sentivo che era difficile a quel punto, se non impossibile, ottenere un risultato positivo. Ecco perché lì per lì ho festeggiato, ma a freddo posso dire che la mia squadra è stata fantastica. Dal campo sembrava di essere sull'Everest a volte... Però grande carattere della mia squadra, una condizione fisica e mentale assolutamente incredibile. Volevamo di più, ma questo abbiamo potuto".

Mkhitaryan ha cambiato la partita?
"Per questa ragione giocata sempre, ogni minuto. E non è mai infortunato o squalificato, quindi abbiamo pensato che oggi poteva fare qualcosa nel secondo ma non di nuovo fare 12 chilometri sui novanta minuti. Ieri il Leicester per esempio ha cambiato nove giocatori rispetto al PSV. Abbiamo ottenuto il risultato in un modo assolutamente fantastico. Ci sono squadre che giocano per vincere lo Scudetto, noi no, però abbiamo il diritto di giocare per vincere le partite. Oggi mi è sembrato di no, che non l'avessimo. Ho letto qualcosa di gente con responsabilità nei giornali che diceva cose come che il campionato si deciderà se ci saranno errori verso le tre in corsa. Ma si decidono anche se sbagliano a favore di queste e oggi per noi sembrava impossibile vincere questa partita. Il signor Di Paolo, per non dire di Di Bello,in alcuni momenti della partita mi hanno fatto vergognare di essere lì".

In particolare cosa? 
"C'era un rosso a Zanoli, non ha fischiato un rigore a Zaniolo (sul contrasto con Meret su un tiro nel secondo tempo, ndr) e poi molto di più. Basta, vogliamo un po' di rispetto per i nostri tifosi che sono a casa. Voglio avere il diritto di giocarmela".

La classifica delle squadre più amate d'Italia: Juve prima ma in calo, Milan e Roma vincono i "derby del tifo"
1-0 tra Napoli e Roma, decide il primo tempo Insigne dal dischetto