Inchiesta Juve, Cobolli Gigli: "Sono state fatte delle cose che non dovevano essere fatte. Mancata una persona come Marotta"
Serie A

Inchiesta Juve, Cobolli Gigli: "Sono state fatte delle cose che non dovevano essere fatte. Mancata una persona come Marotta"

L'ex presidente della Juventus, intervenuto in un'intervista a "Radio Anch'io lo Sport", si è soffermato sui problemi societari del club bianconero

Ludovica Carlucci
23.01.2023 11:56

Giovanni Cobolli Gigli torna a parlare di Andrea Agnelli e della bufera che si è creata in casa Juventus. L'ex presidente della Vecchia Signora, intervenuto in un'intervista a "Radio Anch'io lo Sport" si è soffermato tra i vari temi anche sui problemi societari del club bianconero: “Tirare le orecchie ad Andrea Agnelli?  Le orecchie non so se le troverei in mezzo a tutta quella barba, quindi lascerei stare. Lo ringrazierei per quello che ha fatto nei primi anni della Juve, per gli scudetti vinti, anche grazie all'aiuto di Marotta. Gli direi che ha fatto male a circondarsi di una serie di persone. Cosa aspettarci dalla UEFA? Un atteggiamento rigido. Evelina Christllin, membro del consiglio FIFA in quota UEFA e tifosa della Juve, ha detto che è una botta pesante, che bisogna ripartire a testa bassa, ma anche lei ha fatto presente che sono state fatte una serie di cose che l'hanno indotta a prendere le distanze dalla dirigenza della Juve. Quindi è chiaro che sono state fatte delle cose che non dovevano essere fatte e che è mancata una persona importante come Marotta. Non voglio divinizzarlo, ma era in grado di gestire bene il settore sportivo”.

Cobolli Gigli ha poi aggiunto: "La storia si ripete, nel senso che la Juve potrebbe essere soggetta a penalizzazioni come con Calciopoli, ma qui gli argomenti sono completamente diversi: Calciopoli investigava i rapporti non sani tra le squadre e gli arbitri, qui invece è un discorso che riguarda le plusvalenze. Aspettiamo che la Corte d'Appello della Figc faccia uscire il suo ricorso per capire le motivazioni per cui solo la Juve ha avuto 15 punti di penalizzazione e le altre squadre no. Intanto la Juve ha fatto ricorso al Coni, che potrà dare degli esiti, ma non cambierà la penalizzazione, cioè potrà solo cancellarla o mantenerla. Oppure, come dice l'avvocato Cantamessa e io mi fido di lui, si potrà rimandare alla Corte il giudizio per un nuovo processo. Poi ci sono altre cose non piacevoli da sentire: il discorso sugli stipendi tocca anche il penale, in attesa che la Uefa si pronunci. Il nuovo cda della Juve è sicuramente investito da diverse problematiche molto difficili. La cosa più preoccupante riguarda la manovra stipendi, perché potrebbe esserci un discorso di falso in bilancio". 

LEGGI ANCHE: Caso Plusvalenze, Napoli indagato ma un particolare dovrebbe fare la differenza con la Juventus

Chiacchio contro la Juventus: "Se non ci fossero stati elementi validi Chiné non avrebbe mai avviato un procedimento disciplinare"
Juventus-Atalanta, Tancredi Palmeri sbotta: "Rigore ridicolo per i bianconeri!"