All'inizio degli anni 2000 la Serie A fu terreno fertile per una piccola matricola che sconvolse le leggi della fisica. Era il Chievo dei miracoli di Luigi Del Neri, la squadra di un quartiere veronese capovolse i pronostici e balzò sotto le luci dei riflettori come una delle favole più belle dell'ultimo decennio calcistico italiano. Con un calcio diverso, un allenatore diverso e in un periodo diverso, il Bologna di Thiago Motta si è già preso le copertine da un po'.

La giostra di Thiago

Basta inserire il gettone e godersi il divertimento, la giostra di Thiago gira in continuazione riempiendo di gioia bambini e tifosi della vecchia guardia che da tempo non vedevano un Bologna così. Se i tempi di Baggio e Signori sembrano lontani anni luce, Motta ha riportato in un auge un'intera città. Nessuno lo dice ad alta voce ma sotto le Due Torri tutti camminano con le mani in tasca e dita incrociate, il quarto posto vale come uno Scudetto. L'artefice di tutto questo è l'allenatore, uno dei più preparati di Italia e non solo. Moderno, affabile, geniale e irriverente al punto giusto, Thiago Motta che in campo aveva la stoffa del numero 10 travestito da 8, in panchina sembra già avere il vestito elegante del Mister navigato che però indossa la tuta del giovincello che vuole fare esperienza. 

Thiago Motta
Thiago Motta sulla panchina del Bologna (Ph Image Sport)

Motta idea per il Manchester United

Chi avrebbe bisogno di un allenatore così è senza dubbio il glorioso Manchester United che per tornare a prendersi al gloria dei tempi d'oro starebbe pensando a un cambio manageriale alla fine della stagione. Erik ten Hag sta forse ritardando l'addio a Old Trafford mettendo in difficoltà la dirigenza, l'aver eliminato il Liverpool dalla FA Cup potrebbe aiutare ma in vista di una programmazione futura il tecnico olandese rischia di salutare i Red Devils. Il nuovo proprietario Sir Jim Ratcliffe e il suo gruppo INEOS stanno riflettendo sul da farsi ed ecco che sbuca la sagoma di Thiago Motta con quel sorriso appena accennato e quel fare da numero 10 che tanto piace al Manchester United. In Italia l'allenatore del Bologna è stato accostato alla Juventus, ma dalla Premier League hanno argomenti convincenti. Il futuro del tecnico bolognese è ancora tutto da scrivere e i rossoblù hanno ancora una Champions League da conquistare, ma i Red Devils in estate potrebbero davvero strappare Motta al club felsineo e alla Serie A.

Per chi tifa Caressa? Il telecronista di Sky Sport confessa: "Non ci crederà nessuno"
Inter, lo sfogo di Acerbi: "L'accusa di razzismo peggiore del cancro. La mia carriera..."

💬 Commenti