Serie A

Plusvalenze Juventus: Guardia di Finanza avvia nuove perquisizioni, accuse di falso in bilancio per i bianconeri

Società bianconera sotto la lente d’ingrandimento della Guardia di Finanza per la vicenda plusvalenze

Francesco Rossi
23.03.2022 19:39

Agnelli ed Elkann - Twitter
 

La Guardia di Finanza di Torino ha eseguito oggi nuove perquisizioni in tutta Italia relative l'inchiesta avviata a dicembre sulle presunte plusvalenze di rendiconto finanziario da parte della Juventus.

Marco Gianoglio, Ciro Santoriello e Mario Bendoni sono i magistrati che hanno effettuato un gran numero di ricerche presso gli studi legali a Torino, Roma e Milano. Secondo La Stampa, sarebbero state depositate delle scritture private tra società e calciatori riguardanti le retribuzioni degli stessi negli ultimi due anni di Coronavirus. Stando a quanto riporta La Stampa, le carte non sarebbero state trovate nelle sedi della Juventus nelle perquisizioni precedenti. 

Le perquisizioni riguardano le quattro mensilità su cui i calciatori e la Juventus avevano trovato un accordo per un rinvio alle stagioni successive, durante la prima ondata di Coronavirus. La magistratura afferma che tutto ciò sarebbe avvenuto omettendo la contestuale rilevazione a bilancio della posizione debitoria.

 

La classifica delle squadre più amate d'Italia: Juve prima ma in calo, Milan e Roma vincono i "derby del tifo"
Euro 2028-2032, ecco le candidature: Italia, Russia e Turchia pronte ad ospitare la manifestazione