Cassano - (ph. Twitter)
Serie A

Cassano critica Immobile: "In Nazionale ha fatto otto reti in quattro anni, all'estero non la prende mai. A questo punto richiamerei..."

L'ex calciatore barese critica gli attaccanti italiani, in particolare Immobile e consiglia al ct Mancini di convocare chi secondo lui è il più forte

Andrea Riva
18.06.2022 14:45

Nella serata di ieri, durante la "Bobo Tv Show", in onda sul canale Twitch di Christian Vieri, Antonio Cassano ha toccato l'argomento “attaccanti italiani” che in Nazionale non riescono a fare la differenza.

Molto dure le parole dell'ex calciatore barese, in particolare verso il capocannoniere della Serie A, ovvero Ciro Immobile:

“Io lo dico già da dieci anni e discuto sempre con Bobo sul fatto che fare gol è sempre complicato. Nell’epoca nostra doveva segnare con gente che ti marcava come Maldini, Nesta, Stam, Cannavaro, Samuel ecc...Oggi Immobile dopo sei anni ha fatto 180 gol, va in Nazionale e in quattro anni ha fatto 8 reti. Non voglio togliere i meriti al calciatore ma è evidente che all’estero non la prende mai. Ci mancano i calciatori in attacco”.

Dopo questo pensiero, Cassano ha voluto consigliare al ct Roberto Mancini chi chiamare per migliorare il livello del reparto avanzato:

A questo punto richiamerei Mario Balotelli visto che è di gran lunga più forte di tutti quelli che ci sono ora in rosa. Poi se devo scegliere tra lui e Vieri non c’è paragone ma Bobo non gioca più. Mario è abbastanza particolare, io ero un pazzo scatenato e lui si avvicinava a me. Gli hanno messo un etichetta addosso. Oggi qualitativamente è molto meglio anche di Immobile. Perché non gioca in Italia? Non lo so, forse hanno paura di prenderlo. Ha molti più colpi degli altri, Immobile e Belotti vanno in Svizzera e non la prendono mai".

LEGGI ANCHE: DAZN, la pay tv avvisa gli abbonati: “Bassa qualità servizio dipende anche dai vostri dispositivi”

 

Sacchi, frecciata a Inter e Juventus: "Vincere con i debiti è come barare. Milan eccezionale rispettando le regole"
Mercato Juve, Arthur in cima alla lista dei cedibili. Due ostacoli sulla strada dell'addio