Boniek (ph Social)
Serie A

Boniek clamoroso su un mito del calcio: “Volevamo picchiarlo, doveva sentire i tacchetti”

L’ex calciatore polacco rilasciò le seguenti dichiarazioni alla Hall of Fame del Calcio italiana

Francesco Rossi
15.11.2022 18:58

Intervistato in occasione del suo ingresso nella Hall of Fame del Calcio italiano, l’ex calciatore polacco Zibì Boniek ha rivelato un aneddoto sulla leggenda del calcio internazionale: Diego Armando Maradona. Ecco le dichiarazioni dell’ex Juventus sull’ex campione argentino del Napoli: 
 

“Platini è il compagno più forte con cui ho giocato, ma il più grande di sempre è Maradona. Diego era straordinario, ricordo in un Napoli-Juventus che ci eravamo detti di fargli sentire i tacchetti per intimorirlo un po’. Dopo dieci minuti ci siamo guardati e ci siamo detti ‘questo è troppo bravo, non si può picchiare’. Era un ragazzo sensibile, un campione straordinario. Per misurare la sua grandezza bisogna ricordare che a quei tempi c’era la marcatura a uomo, c’erano i falli veri. Adesso se pesti un piede è fallo. Era un altro calcio”.

Sapete quanto è ricca Exor? Un patrimonio incredibile frutto di investimenti in diversi settori
Moncalvo sgancia la bomba: “Moggi e Giraudo potrebbero tornare nella Juventus. Ecco il perché”