Dopo 60 anni il Bologna tornerà a giocare la Champions League e dopo 22  tornerà in una competizione europea: è apoteosi rossoblù. I meriti di questa grande impresa vanno ripartiti in primis tra società e Thiago Motta, uno dei tecnici emergenti dell'intero panorama europeo, oltre che ai giocatori che hanno gettato il cuore oltre l'ostacolo. Il concetto di fondo è che veder giocare il Bologna quest'anno è stato uno spettacolo, non solo per i tifosi rossoblù, ma per tutti gli amanti di questo sport.  Il terzo posto attuale per i felsinei è più che meritato, vista la qualità di gioco espressa e i picchi raggiunti. La società rossoblù vista la conquista della massima competizione europea, vuole allestire una rosa competitiva, disponendo anche di uno dei direttori d'area tecnica più competenti: Giovanni Sartori. Sarà un calciomercato decisamente interessante per la terza forza del campionato.

Giovanni Sartori
Giovanni Sartori

I possibili ritocchi in difesa del Bologna

Secondo quanto riporta Calciomercato.com, qualora Riccardo Calafiori, uno dei difensori migliori dell'attuale campionato, dovesse lasciare i felsinei, il possibile sostituto potrebbe essere Lilian Brassier del Brest. Il centrale francese classe 1999 piace anche al Milan e avrebbe una valutazione intorno ai 10 milioni di euro. Il reparto difensivo è stato uno dei punti di forza dei ragazzi di Thiago Motta. Basti pensare che hanno incassato solamente 27 reti, 16 in meno del Milan secondo, uno in meno della Juventus. Non è un caso quindi che i felsinei siano la seconda miglior difesa del campionato di Serie A. L'eventuale arrivo di Brassier nella prossima sessione di calciomercato andrebbe a rinforzare quindi un pacchetto già forte.

Un "pupillo" di Sartori potrebbe tornare in Italia

Per giocare una competizione come la Champions League ci sarà bisogno anche di giocatori con una certa esperienza. Per questo sempre Calciomercato.com riporta che i felsinei stanno valutando anche il profilo di Robin Gosens, ex Inter e Atalanta, ora all'Union Berlino. Tra l'altro fu lo stesso Sartori a portarlo in Italia dall'Heracles alla Dea. L'unica incognita sull'operazione riguarda l'ingaggio del tedesco classe 1994, che è abbastanza alto dal momento che percepisce 3 milioni di euro. Interessante capire anche la possibile collocazione tattica di Gosens che ha fatto vedere le cose migliori come esterno di centrocampo e attualmente il Bologna gioca a quattro dietro.

Robin Gosens
Gosens

LEGGI ANCHE: Le squadre con media punti più alta nei top 5 campionati europei: Inter sul podio

Dove vedere Inside Out 2, streaming gratis Netflix, Now o Prime Video?
Inter: Marotta pensa al colpo a sorpresa dal Real Madrid a parametro zero

💬 Commenti